Il Sorpasso – Cinema Italiano Italian Cinema vi racconta 100 anni del nostro cinema: da Cabiria a La grande bellezza, i migliori film dal 1914 al 2013

In questo viaggio diviso in diverse tappe iniziamo dal primo grande film italiano della storia, Cabiria di Giovanni Pastrone e scopriamo altri film memorabili degli albori del cinema, gli anni ’10 e ’20 del secolo scorso.

Cabiria (1914)

Ecco una sintesi della produzione più rilevante:

  1. Cabiria – Pastrone 1914
  2. Cajus Julius Caesar – Guazzoni 1914
  3. Sperduti nel buio – Martoglio 1914
  4. Rapsodia satanica – Oxilia 1915
  5. Maciste – Borgnetto/Denizot 1915
  6. Assunta Spina – Bertini/Serena 1915
  7. La signora delle camelie – Negroni 1915
  8. Maciste alpino – Pastrone 1916
  9. Thais – A. G. Bragaglia 1917 
  10. Malombra – Gallone 1917
  11. Il padrone delle ferriere – Perego 1919
  12. Il ponte dei sospiri – Gaido 1921
  13. O’ piccirella – Notari 1922
  14. Quo Vadis? – D’Annunzio/Jacoby 1924
  15. Messalina – Guazzoni 1924
  16. Maciste all’inferno – Brignone 1926
  17. Gli ultimi giorni di Pompei – Gallone 1926
  18. Kif Tebby – Camerini 1928
  19. Sole – Blasetti 1929
  20. Rotaie – Camerini 1929
  21. La grazia – De Benedetti 1929

 

Cabiria è allo stesso tempo il più grande kolossal e il più famoso film italiano del cinema muto. Qui sopra potete osservare il primo carrello della storia del cinema, brevettato due anni prima nel film L’inferno. Alla fotografia collaborarono tra gli altri Segundo de Chomon, pioniere e innovatore del cinema spagnolo e internazionale, ed Eugenio Bava, classe 1886, padre del regista Mario Bava. Al film collaborò anche il poeta Gabriele D’Annunzio componendo le didascalie e dando il nome ai personaggi  e al film (Cabiria significa nata dal fuoco). Durante la seconda guerra punica Cabiria è la vittima sacrificale da immolare al dio Moloch. Fritz Lang citò il film inserendo un Moloch che divora le persone nel suo capolavoro Metropolis (1927). La copia della statua del dio Moloch è conservata presso il Museo Nazionale del Cinema di Torino, città in cui fu girato il film. Il padre del cinema americano David W. Griffith omaggiò Cabiria e il cinema storico italiano nell’episodio babilonese del suo kolossal Intolerance (1916)Anche le opere di Cecil B. DeMille devono molto al capostipite del peplum di Pastrone.

Tra i registi che muovono i primi passi all’epoca del muto ci sono Blasetti, Camerini, Guazzoni, Gallone, Brignone. Elvira Notari è invece la prima regista donna, che gira un capostipite del melodramma napoletano: O’ piccirella.  Tra gli attori spiccano le dive Lyda Borelli (Genova, 26 marzo 1884 – Roma, 2 giugno 1959) e Francesca Bertini (Firenze, 5 gennaio 1892 – Roma, 13 ottobre 1985) che interpretò quasi 100 film, fino a Novecento di Bertolucci.

Francesca Bertini in Assunta Spina co-diretto con Gustavo Serena nel 1915
Lyda Borelli nel famoso Rapsodia satanica (1915)
O’ piccirella di Elvira Notari (1922)

Celebri all’epoca i film di genere storico e peplum (Quo Vadis? – la cui regia non è dell’omonimo poeta – e  Gli ultimi giorni di Pompei) tra i quali molto successo ebbe la serie di film su Maciste. Il personaggio comparve per la prima volta in Cabiria, un imbattibile gigante buono coi deboli e spietato coi cattivi nato dall’idea di Giovanni Pastrone e di Gabriele D’Annunzio e in seguito eroe di moltissime pellicole. Il 31 marzo 1926 uscì Maciste all’inferno di Guido Brignone che rimane uno dei più memorabili ed ebbe un forte impatto anche sul piccolo Federico Fellini.

Maciste all’Inferno (1926) di Guido Brignone
Quo vadis? (1924) di Gabriellino D’Annunzio e Georg Jacoby
Gli ultimi giorni di Pompei  (1926) di Carmine Gallone segnò il punto di arrivo e di morte del peplum muto italiano

Anton Giulio Bragaglia gira nel 1919 il visionario Thais (la cui copia incompleta ritrovata in Francia dura solo 35 minuti) nel quale vuole trasporre le idee del movimento futurista. I più noti film del ventennio sono senz’altro Sole di Alessandro Blasetti e Rotaie di Mario Camerini, che segnarono la “rinascita del cinema italiano” dopo la crisi produttiva degli anni precedenti.

Thais di A. G. Bragaglia (1917)
blasetti-sole-cena-otima
Sole (1929) fu il primo film di Alessandro Blasetti
rotaie-mario-camerini
Rotaie (1929) di Mario Camerini fu girato muto e in seguito sonorizzato

Continua a leggere qui: i migliori film italiani degli anni ’30

oppure passa agli anni del Neorealismo

1200px-Cabiria_1914_poster_restored