Rotunno e Fellini

E’ scomparso oggi (7 febbraio 2021) Giuseppe Rotunno, nato a Roma il 19 marzo 1923, uno dei più grandi direttori della fotografia del cinema italiano e tra i maestri del cinema mondiale. Premiato con sette Nastri d’argento, tre David di Donatello (di cui uno alla carriera), un BAFTA e una nomination agli Oscar (questi ultimi due per All That Jazz di Bob Fosse) fece grandi i film di Luchino Visconti (Le notti bianche, Rocco e il suoi fratelli, Il gattopardo) e tra il 1968 e il 1983 stabilì un sodalizio con Federico Fellini. In Italia lavorò anche con Lina Wertmüller, Mario Monicelli, Antonio Pietrangeli, Vittorio De Sica, Pier Paolo Pasolini. Tra i registi stranieri collaborò con John Huston, Terry Gilliam e tre volte con Mike Nichols. Già nel 1966 fu il primo direttore della fotografia non americano ad essere ammesso all’ ASC (American Society of Cinematographers).

Il Casanova

Ecco la filmografia del maestro Peppino Rotunno di cui vogliamo ricordare 20 film in particolare:

  • Attila, regia di Pietro Francisci (1954)
  • Montecarlo, regia di Sam Taylor (1956)
  • Tosca, regia di Carmine Gallone (1956)
  • Le notti bianche, regia di Luchino Visconti (1956)
  • La ragazza del Palio, regia di Luigi Zampa (1957)
  • Anna di Brooklyn, regia di Vittorio De Sica e Carlo Lastricati (1958)
  • L’ultima spiaggia (On the Beach), regia di Stanley Kramer (1959)
  • La grande guerra, regia di Mario Monicelli (1959)
  • La sposa bella (The Angel Wore Red), regia di Nunnally Johnson (1960)
  • Rocco e i suoi fratelli, regia di Luchino Visconti (1960)
  • Jovanka e le altre, regia di Martin Ritt (1960)
  • Fantasmi a Roma, regia di Antonio Pietrangeli (1961)
  • Il lavoro, episodio di Boccaccio ’70, regia di Luchino Visconti (1962)
  • Cronaca familiare, regia di Valerio Zurlini (1962)
  • I compagni, regia di Mario Monicelli (1963)

Leggi anche: I migliori film di Mario Monicelli: 15 capolavori e cult

  • Il Gattopardo, regia di Luchino Visconti (1963)
  • Ieri, oggi, domani, regia di Vittorio De Sica (1963)
  • La Bibbia, regia di John Huston (1966)
  • Lo straniero, regia di Luchino Visconti (1967)
  • La strega bruciata viva, episodio di Le streghe, regia di Luchino Visconti (1967)
  • La Terra vista dalla Luna, episodio di Le streghe, regia di Pier Paolo Pasolini (1967)
  • Toby Dammit, episodio di Tre passi nel delirio, regia di Federico Fellini (1968)
  • Candy e il suo pazzo mondo (Candy), regia di Christian Marquand (1968)
  • Il segreto di Santa Vittoria (The Secret of Santa Vittoria), regia di Stanley Kramer (1969)
  • Fellini Satyricon, regia di Federico Fellini (1969)

Leggi anche: I migliori 15 film di Federico Fellini

  • I girasoli, regia di Vittorio De Sica (1970)
  • Conoscenza carnale (Carnal Knowledge), regia di Mike Nichols (1971)
  • Roma, regia di Federico Fellini (1972)
  • L’uomo della Mancha (Man of La Mancha), regia di Arthur Hiller (1972)
  • Amarcord, regia di Federico Fellini (1973)
  • Film d’amore e d’anarchia, regia di Lina Wertmüller (1973)
  • Il bestione, regia di Sergio Corbucci (1974)
  • Divina creatura, regia di Giuseppe Patroni Griffi (1975)
  • Il Casanova di Federico Fellini, regia di Federico Fellini (1976)
  • Ecco noi per esempio, regia di Sergio Corbucci (1977)
  • All That Jazz – Lo spettacolo continua (All That Jazz), regia di Bob Fosse (1979)
  • Prova d’orchestra, regia di Federico Fellini (1979)
  • La città delle donne, regia di Federico Fellini (1980)
  • Cinque giorni una estate (Five Days One Summer), regia di Fred Zinnemann (1982)
  • Bello mio, bellezza mia, regia di Sergio Corbucci (1982)
  • E la nave va, regia di Federico Fellini (1983)
  • Desiderio, regia di Anna Maria Tatò (1983)
  • Non ci resta che piangere, regia di Roberto Benigni e Massimo Troisi (1984)
  • Yado, regia di Richard Fleischer (1985)
  • Orfeo, regia di Claude Goretta (1985)
  • Giulia e Giulia, regia di Peter Del Monte (1987)
  • L’estate stregata (Haunted Summer), regia di Ivan Passer (1988)
  • Le avventure del barone di Münchausen, regia di Terry Gilliam (1988)
  • Mio caro dottor Gräsler, regia di Roberto Faenza (1991)
  • A proposito di Henry (Regarding Henry), regia di Mike Nichols (1991)
  • Sette criminali e un bassotto (Once Upon a Crime), regia di Eugene Levy (1992)
  • Wolf – La belva è fuori (Wolf), regia di Mike Nichols (1994)
  • Sabrina, regia di Sydney Pollack (1995)
  • La notte e il momento, regia di Anna Maria Tatò (1995)
  • La sindrome di Stendhal, regia di Dario Argento (1996)
  • Marcello Mastroianni: Mi ricordo, sì, io mi ricordo, regia di Anna Maria Tatò (1997)

Leggi anche: Vittorio Storaro: il maestro della luce in 200 immagini

Il Casanova

Clicca e segui IL SORPASSO sui social:

   Instagram , YouTube , Facebook ,

 Tiktok Telegram , Reddit ,

 Twitter , Pinterest , Tumblr , Linkedin .

E la nave va