Il calcio e il cinema non hanno avuto una grande storia d’amore, i film memorabili sul calcio sono pochi. La triste scomparsa, a distanza di soli 15 giorni, di due tanto amati campioni – Diego Armando Maradona e Paolo Rossi – e l’uscita su Netflix (26 maggio) del film dedicato a Roberto Baggio (“Il divin codino”, vedi sotto la recensione) ci danno occasione di consigliarvi 20 film sul calcio, documentari compresi.

LEGGI LA RECENSIONE DI ULTRAS su NETFLIX

Uno dei migliori è di certo il primo: girato dal grande John Huston ha un cast che comprende dei miti come Sylvester Stallone, Michael Caine, Max von Sydow e Pelé. Negli anni 90 c’è stato qualche timido tentativo (anche il nostro Ultrà che però, come Hoolingans racconta gli spalti e il fuori campo) ma solo negli anni 2000 inizia, seriamente, la storia cinematografica dello sport più amato d’Italia: qui ne trovate ben 10 in un decennio, compreso uno dei migliori in assoluto, Il maledetto United e il film di Ken Loach su Eric Cantona, uno dei pochi film d’autore insieme a Offside di Jafar Panahi. Nell’ultimo decennio, in tendenza con il resto del cinema mondiale, sono proliferati i documentari. Tra questi, imperdibili quelli su Maradona e Pelè ma anche i nostri Zanetti Story di Simone Scafidi e Carlo A. Sigon, il calciatore argentino che militò a lungo nell’Inter e ne divenne capitano e il film  Il campione, con Stefano Accorsi nei panni di un insegnante che deve stare dietro alle bizze di un giovane fuoriclasse della Roma.

LEGGI ANCHE I migliori film da vedere su Netflix divisi per genere

Fuga per la vittoria (1981)

Ultrà (1991)

Febbre a 90° (1997)

Best (2000)

Shaolin soccer (2001)

Mike Bassett: England Manager (2001)

Mean machine (2001)

Sognando Beckam (2002)

Goal! (2005)

Hooligans (2005)

LEGGI ANCHE Zero: tutto sulla nuova serie Netflix originale italiana

Offside (2006)

Il maledetto United (2009)

Il mio amico Eric (2009)

United (2011)

Stoichkov (2012)

Messi – Storia di un campione (2014)

Zanetti Story (2015)

Pelè (2016)

Il campione (2019)

Diego Maradona (2019)

POTREBBE INTERESSARTI: 100 Film da vedere in Famiglia

IL DIVIN CODINO (RECENSIONE)

Consigliamo la visione de “Il Divin Codino”? Sì, ma con importanti premesse anti-delusione. Il film si concentra sul Baggio della nazionale (anche quella della mancata convocazione del 2002) e sull’uomo dietro il calciatore (come canta Diodato nell’omonima canzone composta per i titoli di coda). Calcisticamente parlando non si vede molto, se non l’inizio carriera a Vicenza poi alla Fiorentina e il finale con la maglia del Brescia. Ampio spazio invece ai travagli fisici dovuti agli infortuni, quelli interiori che sfociano nella sua adesione al buddismo e agli affetti familiari, in particolare il rapporto complicato con il padre, interpretato dal bravo Andrea Pennacchi. Emergono le tragedie della vita di un campione, che nonostante abbia sbagliato il rigore al mondiale USA 94 (e con lui Baresi e Massaro) rimane uno dei calciatori italiani più amati di sempre; oltre a tre mondiali militò nella Juventus, nel Milan, nell’Inter e nel Bologna. Un calcio che oggi davvero non c’è più. Scritto in modo asciutto – forse troppo, il film dura solo 92 minuti e qualche scena in più avrebbe potuto accontentare i fans – da Stefano Sardo e Ludovica Rampoldi (autori delle serie 1992, 1993, 1994 e dei due Ragazzi invisibili di Salvatores) è un biopic celebrativo diretto senza particolari guizzi (ma con un’intensa parte finale) dalla regista Letizia Lamartire (al secondo film dopo Saremo giovani e bellissimi e la serie Baby) che nel ’94 aveva solo sette anni. Baggio è interpretato con dedizione da Andrea Arcangeli (Dei di Cosimo Terlizzi e la serie Romulus; ex compagno di Matilda De Angelis), Arrigo Sacchi da Antonio Zavatteri (Calibro 9, Security), la moglie Andreina da Valentina Bellè (Una questione privata, Dolceroma, L’uomo del labirinto) e Carlo Mazzone da Martufello. Tra le canzoni del film Vado al massimo di Vasco Rossi e 1979 degli Smashing Pumkins. Esattamente, i detrattori del film, cosa si aspettavano di vedere? Andrea Arcangeli con le varie maglie di Juve, Milan, Inter, Bologna che finge di essere Roberto Baggio, segnando i suoi fantastici goal con l’aiuto di controfigure e visual effects?

LEGGI ANCHE 30 film che compiono 30 anni nel 2021

Seguici sui social!

Facebook , YouTube , Instagram ,

 Twitter PinterestTumblrLinkedin,

REDDIT , TIK TOK TELEGRAM.