Pietro Castellitto interpreta Francesco Totti

Coraggiose. Diverse. Originali o ispirate a fatti di cronaca rimasti nella  memoria storica del Paese. Sono le serie TV SKY che vedremo prossimamente.

ALFREDINO – UNA STORIA ITALIANA con Anna Foglietta 

IL RE con Luca Zingaretti  

CHRISTIAN con Edoardo Pesce 

RIDATEMI MIA MOGLIE con Fabio De Luigi 

ANNA di Niccolò Ammaniti 

DOMINA con Kasia Smutniak 

SPERAVO DE MORÌ PRIMA la serie su Francesco Totti con Pietro Castellitto 

A CASA TUTTI BENE – LA SERIE di Gabriele Muccino 

BLOCCO 181 con Salmo 

La serie dei FRATELLI D’INNOCENZO 

GOMORRA Quinta Stagione 

DIAVOLI Seconda Stagione 

I DELITTI DEL BARLUME Le nuove storie

COPS – UNA BANDA DI POLIZIOTTI di Luca Miniero 

Claudio Bisio e Francesco Mandelli in Cops

LEGGI ANCHE : I 10 film originali Netflix più visti di sempre 

ALFREDINO – UNA STORIA ITALIANA  

Riprese appena cominciate, a Roma, per la miniserie tratta dalla storia vera occorsa quarant’anni fa, che  commosse in diretta TV l’Italia. In quattro episodi diretti da Marco Pontecorvo (Nero a metà, Ragion di StatoL’oro di Scampia), ALFREDINO – UNA STORIA ITALIANA racconta la vicenda del piccolo Alfredo Rampi, caduto  in un pozzo artesiano nel 1981. Un sasso duro rimasto da allora nel cuore di un intero Paese, un trauma  collettivo che questa serie vuole raccontare animata dalla speranza di aiutare ad elaborarlo e superarlo.  

Sky e Lotus Production – una società Leone Film Group – insieme per una serie prodotta da Marco Belardi  che racconta un evento drammatico, ma da cui è scaturito qualcosa di utile per tutto il Paese: la vicenda di  Alfredino diede infatti un impulso decisivo alla costituzione della Protezione civile come la conosciamo oggi,  e grazie alla determinazione di Franca Rampi – madre del piccolo, qui interpretata da Anna Foglietta (Perfetti Sconosciuti, La mafia uccide solo d’estate, Noi e la Giulia, Un giorno all’improvviso) – è sorto il Centro  Alfredo Rampi, con l’obiettivo di evitare che altri potessero soffrire quanto da loro sofferto.  

Produttore creativo è Barbara Petronio, la sceneggiatura è firmata da Barbara Petronio e Francesco  Balletta. 

IL RE 

Luca Zingaretti sarà protagonista del primo prison drama italiano, in otto episodi diretti da Giuseppe  Gagliardi (1992, 1993, 1994, Non Uccidere) e prodotti da Lorenzo Mieli e The Apartment con Wildside, parte  di Fremantle. Alla sceneggiatura Stefano Bises, Peppe Fiore, Bernardo Pellegrini, Davide Serino. Primo ciak  a cavallo fra la fine del 2020 e l’inizio del 2021, per delle riprese che si svolgeranno fra Roma, Torino e Trieste. Il San Michele è un carcere di frontiera dove Bruno Testori, il Direttore, esercita la sua personale idea di  giustizia, il suo quarto grado di giudizio, al di sopra della legge dei tribunali e dei codici di procedura penale.  Perché dietro ogni detenuto c’è una storia, una vita deragliata: e anche se fuori dal carcere la prima a essere  andata fuori dai binari è proprio la sua, dentro il San Michele Bruno è un sovrano assoluto. Spietato con chi  lo merita, e inaspettatamente misericordioso con altri, sempre seguendo i principi della propria distorta e  oscura morale. Ma quando il regno rischia di crollare, minacciato da un pericolo imminente, Bruno si troverà  a combattere la guerra più difficile. 

RIDATEMI MIA MOGLIE 

Adattamento della sitcom inglese targata BBC Studios “I Want My Wife Back”, i cui produttori originali sono  Mainstreet Arlington Productions e Busby Productions, Ridatemi mia moglie – prodotta da Sky con Colorado  Film – è una commedia in due parti che segna il grande ritorno alla TV scripted da protagonista di Fabio De  Luigi, protagonista negli ultimi anni in numerosi ruoli per il cinema e altrettanti successi al box office.  Riprese al via a ottobre.

Il protagonista è un uomo lasciato dalla propria moglie dopo anni di matrimonio, proprio nel giorno del  quarantesimo compleanno della donna. Sentendosi solo e abbandonato, comincia a pensare a cosa sia  andato storto nella sua vita, ma soprattutto a come fare per poter tornare con lei.  RIDATEMI MIA MOGLIE è co-sceneggiata da Giovanni Bognetti (Dieci giorni senza mamma, Ti presento Sofia,  Puoi baciare lo sposo, Ma che bella sorpresa) e Alessandro Genovesi(Dieci giorni senza mamma, Ma che bella  sorpresa, La peggior settimana della mia vita, Puoi baciare lo sposo), qui anche regista al suo debutto  televisivo dopo numerosi film di successo per il cinema, molti dei quali proprio assieme a De Luigi. 

CHRISTIAN 

Prenderanno il via a novembre, a Roma, le riprese di CHRISTIAN, prodotta da Sky e Lucky Red.  Un supernatural – crime drama in sei puntate diretto da Stefano Lodovichi (Il cacciatore, In fondo al bosco) – anche produttore creativo – e Roberto “Saku” Cinardi. Protagonista il vincitore del David di Donatello  Edoardo Pesce (Dogman). Le sceneggiature sono di Valerio Cillio, Enrico Audenino, Renato Sannio. 

In un quartiere desolato della periferia romana, la città palazzo, Christian si guadagna da vivere facendo  l’unica cosa che sa fare: menare. Lo fa per il boss locale, Lino, una sorta di fratello adottivo maggiore perché  cresciuto con la stessa donna, Italia. Quest’ultima ora soffre di Alzheimer, e vive con Christian che bada a  lei. Un giorno, a Christian iniziano a far male le mani e a sanguinare: sono delle stimmate, anche se lui, coatto  di periferia, non se ne rende conto. Le stimmate sono un problema, perché gli impediscono di fare il suo  lavoro: “menare le mani”. Fino a quando, con quelle mani, Christian inizierà a fare miracoli. A quanto pare  può curare la gente, ma quei poteri finiranno per attirare l’attenzione di fin troppe persone… 

ANNA 

Creata e diretta da Niccolò Ammaniti, tratta dal suo romanzo omonimo, fra i più amati della sua  produzione (edito in Italia da Einaudi), Anna – su Sky e NOW TV nel 2021 – è il distopico racconto di un  mondo distrutto, devastato da un virus che uccide gli adulti e risparmia i più piccoli.  L’esordiente Giulia Dragotto (13 anni, scelta fra oltre duemila candidate) è la ragazzina protagonista, che  parte alla ricerca del fratellino rapito, Astor – interpretato da Alessandro Pecorella (9 anni, anche lui alla sua  prima apparizione in TV). Fra campi arsi e boschi misteriosi, ruderi di centri commerciali e città  abbandonate, fra i grandi spazi deserti di un’isola riconquistata dalla natura e selvagge comunità di  sopravvissuti, Anna ha come guida il quaderno che le ha lasciato la mamma con le istruzioni per farcela. E  giorno dopo giorno scopre che le regole del passato non valgono più, dovrà inventarne di nuove. Anna è il secondo progetto per la TV dello scrittore Premio Strega, ancora per Sky dopo il successo de Il  Miracolo. È una serie Sky Original prodotta da Mario Gianani e Lorenzo Mieli con Lorenzo Gangarossa per  Wildside, parte di Fremantle, in coproduzione con ARTE France e Kwaï. Niccolò Ammaniti è showrunner e  regista della serie, di cui firma la sceneggiatura con Francesca Manieri (Veloce come il vento, Il Primo Re, Il  Miracolo). 

LEGGI ANCHE: Le migliori serie TV 2020: Tutti i premi Emmy

DOMINA  

L’Antica Roma rivive, più attuale che mai, in un dramma epico con Kasia Smutniak protagonista nei panni  di Livia Drusilla, che dopo numerose avversità riesce a diventare la donna più potente del mondo allora  conosciuto. Insieme a lei un grandissimo cast internazionale nel quale spiccano i nomi di Isabella Rossellini  (Velluto Blu), Liam Cunningham (Il Trono di Spade) e Claire Forlani (Vi presento Joe Black). La storia segue il  viaggio e l’ascesa di Livia, guidata da un profondo desiderio di vendicare il padre e di garantire il potere ai  suoi figli. Con i costumi del Premio Oscar Gabriella Pescucci, Domina è una saga familiare viscerale e  autentica, capace di riportare in vita le incredibili storie vere di quelle donne che crearono una delle dinastie più durature e affascinanti di tutti i tempi. Prodotta da Fifty Fathoms e Sky Studios, con Cattleya nel ruolo  di executive production service. Su Sky e NOW TV nel 2021. 

SPERAVO DE MORÌ PRIMA 

Riprese in corso per l’attesa serie su Francesco Totti, interpretato da Pietro Castellitto, tratta dall’opera  “Un Capitano” di Francesco Totti e Paolo Condò, edita da Rizzoli Libri S.p.A. Speravo de morì prima – una serie  Sky Original prodotta da Mario Gianani per Wildside, del gruppo Fremantle, con Capri Entertainment di  Virginia Valsecchi, The New Life Company e Kwaï – sarà il racconto in sei episodi degli ultimi due anni di  carriera del leggendario numero 10 della Roma, la fine del suo lungo percorso con la maglia giallorossa – rimasta sempre la stessa per 27 anni.  

Un dramedy che unirà l’epica sportiva da vero fuoriclasse del calcio italiano e mondiale, raccontato nel  complesso periodo prima del ritiro – includendo le immagini d’archivio dei momenti più esaltanti della sua  carriera – e la vita privata di un uomo coraggioso e semplice, autoironico e romanissimo, legato da sempre  alla sua città e al calcio. Speravo de morì prima è diretta da Luca Ribuoli e scritta da Stefano Bises, Michele  Astori, Maurizio Careddu. La serie arriverà su Sky e NOW TV nel 2021. 

A CASA TUTTI BENE – LA SERIE 

Prima serie TV per Gabriele Muccino, che dirigerà i primi due episodi e sarà supervisore artistico del  progetto, è una serie Sky Original, reboot dell’omonimo film campione di incassi nel 2018 del regista  vincitore del David di Donatello. Prodotta da Sky con Lotus Production, una società Leone Film Group, A  casa tutti bene – La serie sarà un family drama in otto episodi scritti da Gabriele Muccino, Barbara Petronio,  Andrea Nobile, Gabriele Galli, Camilla Buizza. Il progetto è attualmente in fase di scrittura, le riprese  inizieranno nella primavera 2021.  

Un segreto legato a una dolorosa vicenda del passato torna all’improvviso nelle vite dei Ristuccia,  proprietari del ristorante La Villetta, da quarant’anni uno dei più rinomanti locali della Capitale. Siamo nel  cuore del rione Trastevere, a Roma. Carlo, la nuova compagna Ginevra e la sorella Sara sono sempre lì, tutti  i giorni, ad aiutare i genitori Pietro e Alba nella gestione dell’attività. Unico assente Paolo, il fratello artista,  che nessuno sa dove sia. Un giorno, però, un evento inaspettato sconvolge gli equilibri familiari. I Mariani,  un altro ramo della famiglia, reclamano un posto all’interno dell’attività, minacciando di far riemergere un  terribile segreto dal passato dei Ristuccia che ancora oggi ha delle profonde conseguenze nelle vite dei  protagonisti. 

GOMORRA – QUINTA STAGIONE 

Primo ciak battuto qualche giorno fa, invece, per la quinta stagione di Gomorra, realizzata da un’idea di  Roberto Saviano e prodotta da Sky e Cattleya e distribuita da Beta Film. Le riprese dei nuovi episodi si  svolgono fra Riga e Napoli e continueranno fino ad aprile 2021. La nuova stagione sarà diretta da Claudio  Cupellini, al timone della serie fin dalla prima stagione, e da Marco D’Amore, già regista di parte della quarta  e de L’Immortale, il grande successo targato Vision Distribution e Cattleya che fa da ponte fra la quarta e la  quinta stagione della serie. Le sceneggiature sono di Leonardo Fasoli, Maddalena Ravagli, Gianluca  Leoncini, Valerio Cilio. 

La quinta stagione della più internazionale delle serie TV italiane – nella classifica del New York Times al  quinto posto fra le produzioni non americane più importanti del decennio appena trascorso – vedrà il  ritorno di Marco D’Amore non solo dietro la macchina da presa della serie, ma anche accanto a Genny  Savastano (Salvatore Esposito) nei panni di Ciro l’Immortale, uscito di scena alla fine della terza stagione.  Riprendono i loro ruoli nel cast anche Arturo Muselli, nei panni di Enzo Sangue Blu, e Ivana Lotito in quelli di  Azzurra Avitabile, moglie di Genny.

Ciro L’Immortale è vivo. Genny abbandona la sua carriera imprenditoriale e torna latitante. I due protagonisti della serie si ritroveranno e si confronteranno ancora, insieme a nuovi e vecchi  protagonisti. 

Rotta la pace con i Levante, a Napoli la guerra si riaccenderà più efferata e violenta di prima. La riconquista della città sarà scandita da nuove alleanze e nuovi tradimenti, per ristabilire ed affermare  ancora una volta il potere tra diversi i clan. 

IN-HOUSE PRODUCTION SKY STUDIOS PER L’ITALIA  

Di recente annunciate le nuove in-house production di Sky Studios per l’Italia, nel segno del talento e della  creatività. 

LA SERIE DEI FRATELLI D’INNOCENZO  

La prima serie TV – attualmente in fase di scrittura – di due giovani talenti purissimi, Fabio e Damiano  D’Innocenzo, rivelazione del cinema italiano degli ultimi anni grazie al loro folgorante esordio con La terra  dell’abbastanza e all’exploit di Favolacce, la fiaba nera con cui hanno vinto l’Orso d’argento per la miglior  sceneggiatura all’ultima Berlinale. Caratterizzata dalla cifra stilistica dei due giovani e talentuosi autori, la  serie sarà un noir investigativo che indagherà l’animo umano in tutta la sua abissale complessità. 

Racconto in un mondo crepuscolare, il protagonista sarà un investigatore dalla forte e complessa  personalità che da anni con la sua indagine insegue, in modo fallimentare, le tracce di uno spietato serial  killer e le sue gesta sanguinarie. 

BLOCCO 181 (titolo di lavorazione) 

Il primo progetto televisivo in assoluto di Salmo, ambientato nella periferia di Milano, tra le comunità  multietniche. Una serie di cui l’artista rap sarà produttore creativo, supervisore e produttore musicale oltre  ad avere un ruolo nel cast. Inizio riprese previsto nel 2021. 

Nella periferia milanese, multiculturale e abbandonata, troviamo il Blocco 181, un complesso edilizio che fa  da sfondo a una storia d’amore, vendetta, libertà e affermazione personale. 

La protagonista è Bea, una ragazza latino-americana che si troverà divisa tra la fedeltà alla sua famiglia e  alla sua gang e la sua voglia di cambiare la sua vita. Vicino a lei ci saranno due ragazzi, Marco e Daniele, e un  ex pugile che gestisce una palestra che è diventata un luogo di ritrovo per il quartiere. 

COPS – UNA BANDA DI POLIZIOTTI 

Nei prossimi mesi su Sky e NOW TV una commedia irriverente in due storie, che raccontano un pezzo della  provincia italiana da un punto di vista diverso, quello della polizia. Diretta da Luca Miniero – regista di  Benvenuti al Sud, uno dei maggiori successi del cinema italiano degli ultimi anni – COPS mette in fila un cast  corale con Claudio Bisio, Stefania Rocca, Pietro Sermonti, Francesco Mandelli, Dino Abbrescia, Giulia  Bevilacqua, Guglielmo Poggi e Giovanni Esposito a interpretare personaggi carichi di debolezze e difetti  ma anche di tanta umanità e simpatia. Poliziotti per caso, che diventano poi poliziotti per scelta, i “cops”  orbitano intorno alla centrale di Polizia di Apulia, in un piccolo centro del sud Italia a pochi chilometri da  Lecce. Il commissariato è destinato a chiudere per assenza di crimini e per il gruppo di poliziotti c’è solo una  possibilità per non essere licenziati: creare loro stessi dei reati in città. Ispirato a Kops, film svedese del  2003, Cops – Una banda di poliziotti è una Sky Original prodotta da Sky e Drymedia con la produzione  esecutiva di Picture Show, in associazione con Memfis Film e il sostegno di Apulia Film Commission. 

I DELITTI DEL BARLUME

Si sono concluse da qualche settimana le riprese delle due nuove storie de I DELITTI DEL BARLUME, la  fortunata collection Sky Original prodotta da Sky in coproduzione con Palomar, con la regia di Roan  Johnson. Anche quest’anno non mancheranno tutti i personaggi più amati dal pubblico del BarLume: il  “barrista” Massimo (Filippo Timi), il Commissario Fusco (Lucia Mascino), il divertentissimo quartetto uretra  con Emo (Alessandro Benvenuti), Gino (Marcello Marziali), Pilade (Atos Davini) e Aldo (Massimo Paganelli),  la Tizi (Enrica Guidi) e la strana coppia composta da Beppe Battaglia (Stefano Fresi) e Paolo Pasquali  (Corrado Guzzanti). Sempre tratte dal mondo dei libri di Marco Malvaldi, anche queste due storie avranno  al centro dei casi da risolvere, con l’immancabile comicità dei personaggi che ruotano attorno al BarLume  di Pineta, l’immaginario paesino toscano che nella realtà ha le sembianze di Marciana Marina sull’Isola  d’Elba, che da otto anni è la “casa” del BarLume. Prossimamente su Sky e NOW TV.

Seguici su

TIK TOK, TELEGRAM,

PINTEREST , REDDIT ,

FACEBOOK , INSTAGRAM ,

TWITTER, YOUTUBE

Gabriele Muccino sul set della sua prima Serie TV

È ARRIVATA L’APP MY SKY

L’app gratuita dedicata ai clienti Sky per gestire in autonomia i propri servizi

Alessandro Borghese sarà il protagonista della campagna di comunicazione on air da ottobre.

E il 23 settembre arriva My Sky, la nuova app pratica ed efficiente che racchiude i servizi Sky. Una soluzione integrata, pensata e realizzata sulla base delle esigenze degli abbonati Sky. Disponibile gratuitamente su smartphone e tablet (iOS, con sistema operativo pari o superiore a 12.4, e Android, con sistema operativo pari o superiore a 5.0), è utile per gestire in autonomia l’abbonamento Sky, per essere sempre al passo con i contenuti, richiedere assistenza e scoprire i vantaggi e i benefici che Sky riserva ai clienti fedeli da più tempo, grazie al programma Extra.

La nuova app My Sky è stata creata per garantire un’esperienza ancora più semplice e intuitiva. È infatti sempre più facile navigare tra le varie sezioni.

Basta scaricare l’app My Sky per visualizzare la Home e trovare un mosaico dinamico e personalizzato, che consente di avere immediatamente a disposizione ciò di cui si ha bisogno.

Con la sezione Guida TV è possibile immergersi subito nella programmazione Sky ed essere al passo con tutti i contenuti della settimana, in onda e on demand, oltre a trovare le informazioni sui titoli preferiti. La nuova app permette inoltre di impostare un promemoria e consente di far partire una registrazione dal proprio smartphone, funzione essenziale per chi non vuole perdere nemmeno un secondo del programma preferito. In più, è possibile andare direttamente su Sky Go e iniziare a vedere subito il programma scelto.

Fondamentale per chi vuole gestire in autonomia il proprio abbonamento Sky e per verificare in ogni momento le fatture, è invece la sezione Fai da te che permette di avere anche un aggiornamento immediato sulle proprie attività. Una sezione in cui, non solo è possibile controllare e modificare il proprio abbonamento TV, ma anche sottoscrivere nuove offerte, come l’abbonamento a Sky Wifi, il servizio in vera fibra di Sky.

La sezione Assistenza permette di avere un aiuto veloce da parte di Sky: è infatti possibile richiedere supporto via chat o chiedere di essere ricontattati telefonicamente.

L’App My Sky include anche la sezione Extra di Sky, dedicata a clienti Sky da almeno un anno, che permette di scoprire vantaggi e iniziative personalizzate.

È proprio grazie ad Extra che alcuni clienti Sky hanno potuto provare in anteprima l’app My Sky. Oltre 25.000 clienti hanno aderito al progetto e con entusiasmo hanno dato il proprio contributo per migliorare l’app che oggi è disponibile nell’App Store e in Google Play.

Questa app è stata sviluppata con metodologia Agile, per la prima volta, con la collaborazione delle aree business, IT e designer dell’Agile Software Center di Sky.

L’app My Sky è il frutto di un’attenta ricerca che ha permesso la realizzazione di uno strumento nuovo creato per rispondere alle esigenze di chi vuole avere i servizi Sky APPortata di mano.

Da ottobre sarà on air la campagna di comunicazione, curata dall’agenzia creativa interna di Sky, dedicata alla nuova app My Sky che avrà come protagonista lo chef Alessandro Borghese. È prevista una pianificazione TV, digital e direct per tutto il mese di ottobre.