Il Sorpasso – Cinema Italiano Italian Cinema vi racconta 100 anni del nostro cinema: da Cabiria a La grande bellezza, i migliori film dal 1914 al 2013

In questo viaggio diviso in varie tappe raccontiamo ora gli anni zero del III millennio,  i cento passi che dalla stanza del figlio collegano i grandi film di Bellocchio alle prime pellicole di Sorrentino, riscoprendo Paolo Benvenuti e confermando Matteo Garrone.

Quali sono i film da recuperare per avere un quadro rilevante del periodo ? A fondo pagina anche il riscontro del pubblico, i premi e la classifica dei più votati.

buongiornonotte.png
Buongiorno, Notte di Marco Bellocchio

Vuoi cominciare con la tappa precedente, i migliori film ANNI 90 ? Clicca il link

Liv Tyler Bertolucci
Io ballo da sola di B. Bertolucci (’96)

Questa volta – e lo sarà anche per la tappa successiva – ci siamo eccezionalmente avvalsi dell’apporto di un gruppo molto variegato di critici e giornalisti. Perché per giudicare il presente e il passato più recente è necessario un lucido distacco e una sapiente coscienza (e conoscenza) della materia cinematografica. Sono emersi oltre 160 film da salvare, da ricordare. Hanno partecipato alla nostra indagine: Luca Baroncini (Gli spietati, Cinema In Sala pag. FB), Luca Biscontini (Taxi Drivers), Marianna Cappi (MyMovies), Stefano Coccia (Cineclandestino, Taxi Drivers), Marco Compiani (Point Blank, Gli spietati), Federica Cremonini (Cinematographe), Emanuele Di Nicola (Gli spietati, Cineforum), Nicola Falcinella (L’Eco di Bergamo, Osservatorio Balcani Caucaso), Michele Favara (Gli spietati), Aldo Fittante, Gabriella Gallozzi (Bookciak Magazine), Marcello Garofalo (Ciak), Marco Giusti (Stracult, L’Espresso), Massimo Lastrucci (Ciak, Cineforum), Luigi Locatelli (Nuovo Cinema Locatelli), Dario Magnolo (Il Sorpasso), Roberto Manassero (Cineforum, FilmTV) Jacopo Mazzarella (FilmTV, ViviMilano – Corriere della Sera)Giona A. Nazzaro (FilmTV, Il Manifesto), Luca Pacilio (Gli spietati, FilmTV), Niccolò Rangoni Machiavelli (Gli spietati), Emanuele Rauco (Rivista del cinematografo, Il sussidiario), Emanuele Sacchi (FilmTV,  MyMovies) Mariangela Sansone (Cineforum, Uzak), Roberto Silvestri (Hollywood Party, FilmTV), Davide Stanzione (Best Movie, LongTake), Davide Turrini (Il Fatto Quotidiano). A loro tutta la gratitudine de Il Sorpasso Cinema per aver aderito calorosamente all’iniziativa donandoci un personale e prezioso punto di vista.

_mestiere_dellearmi
Il mestiere delle armi (Ermanno Olmi, 2001)

Ecco dunque una sintesi in tre piccole parti della produzione più rilevante degli anni 2000-2009. I migliori film in assoluto sono risultati i seguenti (il link sui titoli rossi vi porterà ad una scena del film) :

  1. I cento passi – Giordana 2000 
  2. Estate romana – Garrone 2000 
  3. Gostanza da Libbiano – P. Benvenuti 2000 
  4. Pane e tulipani – Soldini 2000 
  5. Sangue vivo – Winspeare 2000 
  6. Luna rossa – Capuano 2001
  7. Il mestiere delle armi – Olmi 2001 
  8. La stanza del figlio – Moretti – 2001
  9. L’uomo in più – Sorrentino 2001 
  10. L’ora di religione – Bellocchio 2002
  11. Velocità massima – Vicari 2002
  12. L’imbalsamatore – Garrone 2002 
  13. Respiro – Crialese 2002 
  14. Buongiorno, notte – Bellocchio 2003 
  15. Caterina va in città – Virzì 2003 
  16. Il dono – Frammartino 2003
  17. The Dreamers – B. Bertolucci 2003 
  18. La meglio gioventù – Giordana 2003
  19. Il ritorno di Cagliostro – Ciprì & Maresco 2003
  20. Segreti di stato – P. Benvenuti 2003 
  21. Le conseguenze dell’amore – Sorrentino 2004
  22. Dopo mezzanotte – Ferrario 2004
  23. Il resto di niente – De Lillo 2004  
  24. La spettatrice – Franchi 2004 
  25. Primo amore – Garrone 2004 
  26. Il vento fa il suo giro – Diritti 2005 
  27. La guerra di Mario – Capuano 2005 
  28. Il caimano – Moretti 2006 
  29. L’amico di famiglia – Sorrentino 2006 
  30. Nuovomondo – Crialese 2006 
  31. La giusta distanza – Mazzacurati 2007 
  32. Non pensarci – Zanasi 2007 
  33. Il divo – Sorrentino 2008 
  34. Gomorra – Garrone 2008 
  35. Pranzo di ferragosto – Di Gregorio 2008 
  36. La bocca del lupo – Marcello 2009
  37. Dieci inverni– Mieli 2009 
  38. Io sono l’amore – Guadagnino 2009 
  39. Vincere – Bellocchio 2009

L'ora di religione

I registi più apprezzati del decennio sono senza dubbio Matteo Garrone, Paolo Sorrentino e Marco Bellocchio, presenti con 4 film (il quarto di Bellocchio, con meno voti, è Il regista di matrimoni). Seguono con due pellicole ciascuno Nanni Moretti (con 24 voti totali), Paolo Benvenuti (19 voti), Antonio Capuano (17), Marco Tullio Giordana (17), Emanuele Crialese (16). L’attore simbolo, emerso in questo decennio, è Toni Servillo (5 film, tre di Sorrentino). L’attore  napoletano negli anni zero ha avuto pochi rivali,  ritirando tre David di Donatello e tre Nastri D’argento come protagonista per Le conseguenze dell’amore, La ragazza del lago e Il divo. Per quest’ultimo e per Gomorra vince nel 2008 il premio EFA, European Film Award. Tra le attrici spiccano invece Valeria Golino con due ruoli da protagonista assoluta (Respiro e La guerra di Mario per i quali è stata premiata rispettivamente con un Nastro D’argento e un David), Margherita Buy (Il Caimano e Caterina va in città, Nastro D’argento come non protagonista per quest’ultimo) e un’altra stella nata nei primi duemila: Jasmine Trinca, con tre titoli in questa prima parte della lista. Altri volti rappresentativi sono Luigi Lo Cascio (Coppa Volpi per Luce dei miei occhi, miglior attore ai David di Donatello per I cento passi, Nastro corale per La meglio gioventù), Sergio Castellitto (David per Non ti muovere, EFA e Nastro per L’ora di religione), Nanni Moretti, Giuseppe Battiston. Tra i film selezionati troviamo più di una volta Michele Placido, Valerio MastandreaFabrizio Bentivoglio, Andrea Renzi, Silvio Orlando (Coppa Volpi per Il papà di Giovanna), Elio Germano, Vincenzo Amato, Riccardo Scamarcio, Paolo Briguglia e le attrici Maya Samsa, Licia Maglietta, Anna Bonaiuto, Michela Cescon, Valentina Lodovini, Anita Caprioli, Isabella Ragonese. Ruoli importanti, grazie a Bellocchio, per Roberto Herlitzka, Filippo Timi e Giovanna Mezzogiorno, che per La bestia nel cuore vince la Coppa Volpi a Venezia). Nei ruoli principali c’è spazio anche per gli stranieri: Bruno Ganz, Eva Green, Louis Garrel, Robert Englund, Maria De Medeiros, Fanny Ardant, Charlotte Gainsbourg, Tilda Swinton.

L'imbalsamatore locandina.jpg

Diversi film denotano una tendenza: sono interpretati da  protagonisti sconosciuti e attori non professionisti (da Il mestiere delle armi a Il vento fa il suo giro, da Estate Romana a La bocca del lupo, da Sangue vivo a Il dono). Sono solo quattro le commedie pure : Pane e tulipani, Dopo mezzanotte, Non pensarci, Pranzo di Ferragosto. Parecchi film ricostruiscono fatti realmente accaduti e non pochi sono girati in costume (ad esempio Gostanza da Libbiano, Il resto di niente, Nuovomondo). Il tema più ingombrante è la criminalità, sia organizzata (I cento passi, Luna rossa, Gomorra) che legata alla storia politica italiana (Buongiorno,notte , Segreti di stato) o a singoli episodi realmente accaduti  (L’imbalsamatore) o di fantasia (Le conseguenze dell’amore). All’interno di queste storie si raccontano in modo singolare personaggi chiave della storia d’Italia (non solo ne Il caimano, Il divo, Vincere). Le passioni amorose al centro dell’intreccio sono varie,  in film come The Dreamers, Primo amore, La spettatrice, Dieci inverni. Non per ultimo emerge il tema familiare, in particolare il rapporto tra genitori e figli ne L’ora di religione, La stanza del figlio, Respiro, La guerra di Mario, Caterina va in città. Solo una donna dietro la macchina da presa: Antonietta De Lillo. I migliori registi al debutto in questi anni: Pietro Marcello, Valerio Mieli, Gianni Di Gregorio e Daniele Vicari.

Giulio_Andreotti_Il_Divo_Toni_Servillo_b4aec257.jpg
Il divo (Paolo Sorrentino, 2008)

Un altro gruppo di film, tra i 4 e i 6 voti – capitanato dai primi undici –  è stato salvato dai nostri votanti:

  1. Il partigiano Johnny – Chiesa 2000 
  2. Placido Rizzotto – Scimeca 2000 
  3. Angela – Torre 2002 
  4. Cantando dietro i paraventi – Olmi 2003 
  5. L’odore del sangue – Martone 2004 
  6. Saimir – Munzi 2004 
  7. Romanzo criminale – Placido 2005 
  8. Il regista di matrimoni – Bellocchio 2006 
  9. Sonetàula – Mereu 2007 
  10. In memoria di me –  Costanzo 2007 
  11. La pivellina (Non è ancora domani) – Covi / Frimmel 2009 
  12. Il mnemonista – Rosa 2000 
  13. Regina Coeli – D’Alessandria 2000 
  14. Tornando a casa – Marra 2001
  15. Paz!De Maria 2002 
  16. Non è giusto – De Lillo 2002 
  17. I cinghiali di Portici – Olivares 2003 
  18. Il miracolo – Winspeare 2003
  19. Pater familias – Patierno 2003 
  20. Io non ho paura – Salvatores 2003 
  21. Volevo solo dormirle addosso – Cappuccio 2004
  22. Palabras – Salani 2004
  23. Private – Costanzo 2004
  24. Mi piace lavorare (Mobbing) – F. Comencini 2004 
  25. La sconosciuta – Tornatore 2006 
  26. Jimmy della collina – Pau 2006 
  27. La terra – Rubini 2006 
  28. Arrivederci amore, ciao – Soavi 2006 
  29. Anche libero va bene – Rossi Stuart 2006 
  30. Le rose del deserto – Monicelli 2006 
  31. Tre donne morali – Garofalo 2006 
  32. Grido – Delbono 2006 
  33. L’aria salataAngelini 2006 
  34. Lascia perdere, Johnny! – Bentivoglio 2007 
  35. Mio fratello è figlio unico – Luchetti 2007 
  36. Giorni e nuvole – Soldini 2007
  37. Mar nero – Bondi 2008 
  38. Pinuccio Lovero – Sogno di una morte di mezza estate – Mezzapesa 2008 
  39. Tutta la vita davanti – Virzì 2008 
  40. L’uomo che verrà – Diritti 2009 
  41. L’uomo fiammifero – Chiarini 2009 
  42. La prima linea – De Maria 2009 
  43. Baaria – Tornatore 2009 
  44. Lo spazio bianco – F. Comencini 2009 

Ritroviamo registi come Ermanno Olmi, Paolo Virzì, Silvio Soldini, Edoardo Winspeare, Giorgio Diritti e Bellocchio. Si affacciano con due film Renato De Maria e Saverio Costanzo e nomi importanti come Giuseppe Tornatore, Gabriele Salvatores, Mario Martone, Daniele Luchetti. C’è spazio anche per Monicelli col suo ultimo film e per le registe donne: si ripresenta la De Lillo insieme a Francesca Comencini (con due film), Tizza Covi e Roberta Torre.

locandina

Infine altri film che più di un critico ha ritenuto opportuno ricordare:

  1. La lingua del santo Mazzacurati 2000 
  2. Dorme Puglielli 2000 
  3. Nonhosonno Argento 2000 
  4. Malèna Tornatore 2000 
  5. Il prezzo Stefanelli 2000 
  6. L’ultimo bacio Muccino 2000
  7. Zora la vampira Manetti Bros 2000 
  8. Chiedimi se sono felice Aldo, Giovanni, Giacomo, Venier 2000 
  9. Domenica Labate 2001 
  10. Le fate ignoranti Ozpetek 2001 
  11. Giravolte Spadoni 2001 
  12. Momo alla conquista del tempo D’Alò 2001
  13. Sole negli occhi Porporati 2001 
  14. Santa Maradona Ponti 2001 
  15. Il consiglio d’Egitto Greco 2002 
  16. El Alamein – La linea di fuoco Monteleone 2002 
  17. Incantesimo napoletano Genovese / Miniero 2002 
  18. L’inverno Di Majo 2002 
  19. Rosa Funzeca Aurelio Grimaldi 2002 
  20. Ballo a tre passi Mereu 2003 
  21. La finestra di fronte Ozpetek 2003 
  22. Perduto amor Battiato 2003 
  23. Piovono mucche Vendruscolo 2003 
  24. Ricordati di me Muccino 2003 
  25. Il pranzo della domenica Vanzina 2003 
  26. Il cuore altrove Avati 2003 
  27. Non ti muovere Castellitto 2004 
  28. Nemmeno il destino Gaglianone 2004 
  29. Te lo leggo negli occhi Santella 2004 
  30. Vento di terra Marra 2004 
  31. Certi bambini A. Frazzi, A. Frazzi 2004 
  32. Onde Fei 2005 
  33. Tartarughe sul dorso Pasetto 2005
  34. Tu devi essere il lupo Moroni 2005 
  35. Melissa P. Guadagnino 2005 
  36. Rosso come il cielo Bortone 2005 
  37. La seconda notte di nozze Avati 2005 
  38. Piano 17 Manetti Bros 2005 
  39. Cover boy Amoroso 2006 
  40. Come l’ombra Spada 2006 
  41. Mare nero Torre 2006 
  42. Il 7 e l’8 Avellino, Ficone, Picarra 2006 
  43. La vera leggenda di Tony Vilar Gagliardi 2006 
  44. Fascisti su Marte C. Guzzanti, Stofic 2006 
  45. Notte prima degli esami Brizzi 2006 
  46. Notturno bus Marengo 2007 
  47. La ragazza del lago Molaioli 2007 
  48. L’uomo di vetro Incerti 2007 
  49. I vicerè Faenza 2007 
  50. Nelle tue mani Del Monte 2007 
  51. Nessuna qualità agli eroi Franchi 2007 
  52. Signorinaeffe Labate 2007 
  53. La terza madre Argento 2007 
  54. Caos calmo Antonello Grimaldi 2008 
  55. Galantuomini Winspeare 2008 
  56. Machan – La vera storia di una falsa squadra U. Pasolini 2008 
  57. La terra degli uomini rossi Bechis 2008 
  58. Si può fare Manfredonia 2008 
  59. Fortapàsc M. Risi 2009 
  60. Cado dalle nubi Nunziante 2009 
  61. Cosmonauta Nicchiarelli 2009 
  62. Focaccia Blues Cirasola 2009 
  63. La matassa Avellino, Ficarra, Picone 2009 
  64. Questione di cuore Archibugi 2009 
  65. Good Morning Aman Noce 2009 
  66. Storia di una donna amata e di un assassino gentile Faccini 2009
  67. Almost Blue A. Infascelli 2000 
  68. Animali che attraversano la strada Sandri 2000 
  69. Luce dei miei occhi Piccioni 2001 
  70. Vecchie D. Segre 2002 
  71. Le intermittenze del cuore Carpi 2003 
  72.  L’isola Quatriglio 2003 
  73. Le chiavi di casa Amelio 2004 
  74. Tu la conosci Claudia? Venier 2004 
  75. Evilenko Grieco 2004 
  76. Mitraglia e il Verme D. Segre 2005 
  77. N – Io e Napoleone Virzì 2006 
  78. La stella che non c’è Amelio 2006 
  79. La masseria delle allodole P. e V. Taviani 2007 
  80. Come Dio comanda Salvatores 2008 
  81. Il passato è una terra straniera Vicari 2008 
  82. Tutta colpa di Giuda Ferrario 2009 

Winspeare e Virzì arrivano al loro terzo film in totale. Molte donne alla regia in questa tranche: Nina Di Majo, Velia Santella, Marina Spada, Francesca Archibugi, Susanna NicchiarelliCostanza Quatriglio, Wilma Labate (con due film) e ancora la Torre. In extremis si affacciano registi di fama come Gabriele Muccino, Ferzan Ozpetek, Pupi Avati, Gianni Amelio, Dario Argento insieme a Daniele Segre (tutti con due titoli) e nuovamente Salvatores, Luca GuadagninoVincenzo Marra, Davide Ferrario, Paolo Franchi, Daniele Vicari e Carlo Mazzacurati, con una commedia. Pochissime quest’ultime:  due per Ficarra e Picone e due del trio Aldo, Giovanni e Giacomo; spuntano anche gli esordi di successo di Checco Zalone, di Fausto Brizzi e della coppia Genovese & Miniero che in futuro si separerà. E’ presente il cinema di genere, non solo con Argento ma anche con due film dei Manetti Bros e i thriller/polizieschi di Andrea Molaioli, Michele Soavi, Davide Marengo, Alex Infascelli e l’animazione di Enzo D’Alò.

l'uomo in più migliore sorrentino.jpg

Il successo di pubblico e i maggiori incassi italiani

Prima di passare ai premi ufficiali (quelli internazionali e i due principali italiani, il “David” e il “Nastro”) poniamoci una domanda: ma il pubblico che cosa ha visto al cinema in questi anni? Quali sono i film che hanno incassato di più, con il maggior numero di spettatori paganti?

Il decennio comincia male per il cinema italiano: nella stagione 1999/2000 l’exploit di Silvio Soldini, Pane e tulipani (acclamato da pubblico e critica, raro caso di David di Donatello vinto in tutte e cinque le categorie principali) esce il 3 marzo ’00 e si piazza solo al 21esimo posto. Come sappiamo il mercato italiano è fertile nel periodo natalizio, quando in sala puntualmente trovi un cinepanettone o il film del comico di turno. In questo decennio i Re Mida del Box-Office sono stati Aldo, Giovanni e Giacomo, Leonardo Pieraccioni, Carlo Verdone e gli inarrivabili film di Neri Parenti con Boldi & De Sica, che però a partire dal 2006 si sono divisi. I due si riuniranno dopo 12 anni nel 2018 ma lasceranno il pubblico a bocca asciutta proprio per questo 2019. Troppa concorrenza? Torneranno quasi sicuramente con Vacanze di Natale 2020. In questi anni i loro maggiori successi si chiamano Vacanze sul Nilo (maggior incasso 2002), Natale a Miami (secondo nel 2005), Christmas in love (terzo nel 2004). Christian De Sica continua poi senza Massimo Boldi e arriva primo sia nel 2006 che nel 2007 con Natale a New York e Natale in crociera. E’ al secondo posto con Natale a Rio nel 2008 (in tutti è presente Fabio De Luigi), anno in cui si registra un fenomeno più unico che raro: Gomorra, film d’autore di Matteo Garrone, con oltre 10 milioni di euro in Italia è il decimo incasso dell’anno.

Nel 2001 il numero uno assoluto è Chiedimi se sono felice con Aldo, Giovanni e Giacomo e al numero tre c’è il film generazionale di Gabriele Muccino, L’ultimo bacio. Il regista si posizionerà 12esimo con Ricordati di me (2003) e avrà successo anche con i due film americani interpretati da Will Smith (settimo e decimo incasso di stagione). Sempre nel 2001 emerge al n.14 Ferzan Ozpetek con Le fate ignoranti (che l’anno successivo arriva decimo con La finestra di fronte, solo 19esimo nel 2007 con Saturno contro) e al 21esimo Nanni Moretti con La stanza del figlio, Palma d’oro a Cannes. Ritroveremo Moretti “stazionario” al ventesimo posto nella stagione 2005/2006 con Il caimano.

La stagione 2001/2002 per noi è abbastanza disastrosa: è l’anno di uscita di Harry Potter (n.1), del primo capitolo del Signore degli anelli (n.2) e di Spiderman (n.3), oltre che di Ocean’s eleven (n.4), Amelie (n.10) e Star Wars ep. II (n.11). Ma dopo l’incasso n.7 di Bridget Jones riesce a piazzarsi all’ottava posizione Leonardo Pieraccioni con Il principe e il pirata. Il comico toscano otterrà migliori risultati nel 2003 con Il paradiso all’improvviso (maggior incasso della stagione cinematografica), Una moglie bellissima (terzo nel 2007) e Ti amo in tutte le lingue del mondo (quinto nel 2005).

Tra il 2002/2003 La leggenda di Al, John e Jack arriva terzo; il trio farà l’ultimo vero botto due anni dopo con Tu la conosci Claudia?, quarto in classifica. In quella stagione il loro film è preceduto dal Pinocchio di Roberto Benigni, secondo sul podio. Con il suo ultimo film da regista, La tigre e la neve, arriverà nono nel 2005.

Passiamo agli ultimi due fenomeni, i film di Carlo Verdone e di Giovanni Veronesi. Il primo trova un ottimo incasso d’attore proprio grazie al secondo con Manuale d’amore al settimo nel 2004/2005 per poi essere battuto dal suo sequel due anni dopo, terzo sul podio. Pochi anni prima Verdone non aveva registrato grandi numeri mentre l’anno successivo, in coppia con Silvio Muccino arriva settimo con Il mio miglior nemico, di nuovo settimo nel 2007/2008 con Grande, Grosso e Verdone e infine nono due stagioni dopo con Io, loro e Lara.  Nel 2009 Veronesi dirige nuovamente il comico romano in Italians e i due volano al settimo posto insieme ai coprotagonisti Scamarcio e Castellitto (che nel 2004 fece un ottimo incasso come regista posizionandosi al n.15 con Non ti muovere).

Rimane una tendenza da esplorare: il filone giovanilistico.  Esplode nel 2006 col successo (decimo posto) di Notte prima degli esami di Fausto Brizzi, che dirige il seguito l’anno successivo posizionandosi solo un gradino più in basso. Nel 2007 il sequel di Tre metri sopra il cielo (che incassò meno di un milione di euro) dal titolo Ho voglia di te con Riccardo Scamarcio e Laura Chiatti  arriverà al nono posto. Gli altri film, come gli ultimi due, tratti dai libri di Federico Moccia arrivano all’ottavo posto (Scusa ma ti chiamo amore ’07/’08) per poi scendere al 26esimo (Scusa ma ti voglio sposare ’09/’10). Questi film aprono le porte al successo di pubblico di Raul Bova, protagonista di molte commedie negli anni ’10. Nel 2007 Il 7 e l’8 con Salvatore FicarraValentino Picone (che avevano esordito nel 2002 con Nati stanchi) incassa abbastanza bene, arrivando al ventesimo posto, mentre La matassa si conferma al numero 23 nel 2009. I due comici quell’anno compaiono anche in Baaria di Giuseppe Tornatore (n.16) mentre poco più su si affaccia un esordiente: è Checco Zalone con Cado dalle nubi che dalla posizione n.12 è già pronto alla scalata degli incassi senza eguali nel decennio successivo.

pane e tulipani streaming.jpg

Leggi anche >>>I migliori film italiani del decennio 2010-2019 Timothée Chalamet call me by your name

I PRINCIPALI PREMI INTERNAZIONALI

  • 2000 : Premio speciale della giuria a Locarno per Gostanza da Libbiano di Paolo Benvenuti
  • 2001 : La stanza del figlio di Nanni Moretti Palma d’Oro a Cannes
  • 2001 : Luigi Lo Cascio e Sandra Ceccarelli entrambi Coppa Volpi a Venezia per        Luce dei miei occhi di Giuseppe Piccioni
  • 2001 : Nomination al Golden Globe per I cento passi di Marco Tullio Giordana e Malèna di Giuseppe Tornatore
  • 2001 : Pardo d’oro a Locarno per Alla rivoluzione sulla due cavalli di Maurizio Sciarra
  • 2002 :  Stefano Accorsi Coppa Volpi per Un viaggio chiamato amore di Michele Placido
  • 2002 : Premi alla carriera a Claudia Cardinale Orso d’oro a Berlino e Dino Risi Leone d’oro a Venezia
  • 2002 : Leone del futuro a Due amici di Francesco Sframeli e Spiro Scimone
  • 2003 : Leone d’oro alla carriera a Dino De Laurentiis
  • 2004 :  Marco Luisi e Tommaso Ramenghi Premio Marcello Mastroianni a Venezia per Lavorare con lentezza di Guido Chiesa
  • 2004 : Leone del futuro a Nemmeno il destino di Daniele Gaglianone
  • 2004 : Leone d’argento alla miglior colonna sonora a Banda Osiris per Primo amore di Matteo Garrone  
  • 2004 : Pardo d’oro e miglior attore a Mohammed Bakri per Private di Saverio Costanzo
  • 2005 : Leone d’oro alla carriera a Stefania Sandrelli
  • 2005 : Giovanna Mezzogiorno Coppa Volpi per La bestia nel cuore di Cristina Comencini
  • 2006 : Nomination all’Oscar per La bestia nel cuore di Cristina Comencini
  • 2007 : Leone d’oro del 75 anniversario a Bernardo Bertolucci 
  • 2008 : Premi alla carriera a Francesco Rosi Orso d’oro e a Ermanno Olmi Leone d’oro
  • 2008 : A Cannes Gran premio speciale della giuria per Gomorra di Matteo Garrone e Premio della giura a Il Divo di Paolo Sorrentino
  • 2008 : Pardo d’oro alla miglior attrice a Ilaria Occhini per Mar nero di Federico Bondi
  • 2008 : Silvio Orlando Coppa Volpi per Il papà di Giovanna di Pupi Avati
  • 2008 : Leone del futuro a Pranzo di Ferragosto di Gianni Di Gregorio
  • 2009 : Jasmin Trinca Premio Mastroianni per Il grande sogno di Michele Placido
  • 2009 : Nomination al Golden Globe per Gomorra di Matteo Garrone
  • 2010 : Nomination al Golden Globe per Baaria di Giuseppe Tornatore
  • 2011 : Namination al Golden Globe per Io sono l’amore di Luca Guadagnino
nanni moretti palma d oro cannes
Cannes 2001

Sono stati candidati agli EFA (European Film Award): Pane e Tulipani (anche la sceneggiatura), La stanza del figlio e Il divo (anche la sceneggiatura); Gomorra lo ha vinto nel 2008, insieme a quello per la sceneggiatura. Per questa categoria sono stati candidati anche Concorrenza sleale di Ettore Scola nel 2001, La meglio gioventù e Pranzo di Ferragosto. Gomorra è stato candidato ai BAFTA, così come Malèna.

Sergio Castellitto e Toni Servillo hanno vinto l’EFA: il primo nel 2002 per L’ora di religione e Ricette d’amore di Sandra Nettelbeck, il secondo nel 2008 per Il Divo e Gomorra. Sono stati candidati al premio: Bruno Ganz (Pane e tulipani), Luigi Lo Cascio (La meglio gioventù), Silvio Orlando (Il caimano), Elio Germano (Mio fratello è figlio unico), Filippo Timi (Vincere), Laura Morante (La stanza del figlio, Un viaggio chiamato amore), Stefania Sandrelli (L’ultimo bacio), Sandra Ceccarelli (La vita che vorrei), Valeria Bruni Tedeschi per CinquePerDue e Penelope Cruz per Non ti muovere.

Otto nostri registi candidati in dieci anni: Olmi per Il mestiere delle armi, Bellocchio per L’ora di religione, Giordana per La meglio gioventù, Roberto Faenza per Alla luce del sole, Crialese per Nuovomondo, Tornatore per La sconosciuta, Sorrentino per Il divo. L’unico a vincerlo: Matteo Garrone per Gomorra.

sorrentino garrone cannes
Cannes 2008

Premio DAVID di Donatello categorie principali

Miglior Film

  • 2000: Pane e tulipani, regia di Silvio Soldini
  • 2001: La stanza del figlio, regia di Nanni Moretti
  • 2002: Il mestiere delle armi, regia di Ermanno Olmi
  • 2003: La finestra di fronte, regia di Ferzan Özpetek
  • 2004: La meglio gioventù, regia di Marco Tullio Giordana
  • 2005: Le conseguenze dell’amore, regia di Paolo Sorrentino
  • 2006: Il caimano, regia di Nanni Moretti
  • 2007: La sconosciuta, regia di Giuseppe Tornatore
  • 2008: La ragazza del lago, regia di Andrea Molaioli
  • 2009: Gomorra, regia di Matteo Garrone

Miglior regista

  • 2000: Silvio Soldini – Pane e tulipani
  • 2001: Gabriele Muccino – L’ultimo Bacio
  • 2002: Ermanno Olmi – Il mestiere delle armi
  • 2003: Pupi Avati – Il cuore altrove
  • 2004: Marco Tullio Giordana – La meglio gioventù
  • 2005: Paolo Sorrentino – Le conseguenze dell’amore
  • 2006: Nanni Moretti – Il caimano
  • 2007: Giuseppe Tornatore – La sconosciuta
  • 2008: Andrea Molaioli – La ragazza del lago
  • 2009: Matteo Garrone – Gomorra

Miglior sceneggiatura

  • 2000: Doriana Leondeff e Silvio Soldini – Pane e tulipani
  • 2001: Claudio Fava, Monica Zapelli e Marco Tullio Giordana – I cento passi
  • 2002: Ermanno Olmi – Il mestiere delle armi
  • 2003: Matteo Garrone, Massimo Gaudioso e Ugo Chiti – L’imbalsamatore
  • 2004: Sandro Petraglia e Stefano Rulli – La meglio gioventù
  • 2005: Paolo Sorrentino – Le conseguenze dell’amore
  • 2006: Stefano Rulli, Sandro Petraglia e Giancarlo De Cataldo con la collaborazione di Michele Placido – Romanzo criminale
  • 2007: Daniele Luchetti, Sandro Petraglia e Stefano Rulli – Mio fratello è figlio unico
  • 2008: Sandro Petraglia – La ragazza del lago
  • 2009: Maurizio Braucci, Ugo Chiti, Gianni Di Gregorio, Matteo Garrone, Massimo Gaudioso e Roberto Saviano – Gomorra

Miglior produttore

  • 2000: Amedeo Pagani – Garage Olimpo
  • 2001: Domenico Procacci per Fandango in collaborazione con Medusa Film – L’ultimo bacio
  • 2002: Luigi Musini, Roberto Cicutto, Ermanno Olmi (Cinema11undici), RAICinema, Studiocanal e Taurusproduktion – Il mestiere delle armi
  • 2003: Domenico Procacci – Respiro
  • 2004: Angelo Barbagallo – La meglio gioventù
  • 2005: Rosario Rinaldo – Certi bambini
  • 2006: Angelo Barbagallo, Nanni Moretti per la Sacher Film – Il caimano
  • 2007: Donatella Botti per BIANCAFILM e RAICINEMA – L’aria salata
  • 2008: Nicola Giuliano, Francesca Cima – La ragazza del lago
  • 2009: Domenico Procacci – Gomorra

Miglior attore

  • 2000:  Bruno Ganz – Pane e tulipani
  • 2001:  Luigi Lo Cascio – I cento passi
  • 2002:  Giancarlo Giannini – Ti voglio bene Eugenio
  • 2003:  Massimo Girotti (postumo) – La finestra di fronte
  • 2004:  Sergio Castellitto  – Non ti muovere
  • 2005:  Toni Servillo – Le conseguenze dell’amore
  • 2006:  Silvio Orlando – Il caimano
  • 2007:  Elio Germano – Mio fratello è figlio unico
  • 2008:  Toni Servillo – La ragazza del lago
  • 2009:  Toni Servillo – Il divo

Miglior attrice

  • 2000 Licia Maglietta Pane e tulipani
  • 2001 Laura Morante La stanza del figlio
  • 2002 Marina Confalone Incantesimo napoletano
  • 2003 Giovanna Mezzogiorno La finestra di fronte
  • 2004 Penélope Cruz Non ti muovere
  • 2005 Barbora Bobuľová Cuore sacro
  • 2006 Valeria Golino La guerra di Mario
  • 2007 Ksenia Rappoport La sconosciuta
  • 2008 Margherita Buy Giorni e nuvole
  • 2009 Alba Rohrwacher Il papà di Giovanna

Miglior regista esordiente

  • 2001: Alex Infascelli – Almost Blue
  • 2002:  Marco Ponti – Santa Maradona
  • 2003:  Daniele Vicari – Velocità massima
  • 2004:  Salvatore Mereu – Ballo a tre passi
  • 2005:  Saverio Costanzo – Private
  • 2006:  Fausto Brizzi – Notte prima degli esami
  • 2007:  Kim Rossi Stuart – Anche libero va bene
  • 2008:  Andrea Molaioli – La ragazza del lago
  • 2009: Gianni Di Gregorio – Pranzo di ferragosto
  • 2010: Valerio Mieli – Dieci inverni

David Giovani, assegnato dal 2004

  • 2004: Io non ho paura di Gabriele Salvatores
  • 2005: Alla luce del sole, regia di Roberto Faenza
  • 2006: Romanzo criminale, regia di Michele Placido
  • 2007: Rosso come il cielo, regia di Cristiano Bortone
  • 2008: Parlami d’amore, regia di Silvio Muccino
  • 2009: Si può fare, regia di Giulio Manfredonia
la-stanza-del-figlio-nanni-moretti.jpg
I principali NASTRI D’ARGENTO assegnati
2000
Regista del miglior film italiano Silvio Soldini – Pane e Tulipani
Miglior regista italiano esordiente Alessandro Piva – La Capagira
Miglior produttore Sciarlò – Il manoscritto del principe
Miglior soggetto Silvia Tortora – Un uomo perbene
Miglior sceneggiatura Leondeff-Soldini – Pane e Tulipani
Migliore attrice protagonista Licia Maglietta – Pane e Tulipani
Migliore attore protagonista Silvio Orlando – Preferisco il rumore del mare
Miglior attrice non protagonista Marina Massironi – Pane e Tulipani
Miglior attore non protagonista Felice Andreasi – Pane e Tulipani
2001
Regista del miglior film italiano Nanni Moretti – La stanza del figlio
Miglior regista italiano esordiente Alex Infascelli – Almost blue
Miglior produttore Tilde Corsi, Gianni Romoli – Le fate ignoranti, Kippur
Miglior soggetto Ferzan Ozpetek, Gianni Romoli – Le fate ignoranti
Miglior sceneggiatura Claudio Fava, Monica Zapelli, Marco Tullio Giordana – I cento passi
Migliore attrice protagonista Margherita Buy – Le fate ignoranti
Migliore attore protagonista Stefano Accorsi – Le fate ignoranti
Miglior attrice non protagonista Stefania Sandrelli – L’ultimo bacio
Miglior attore non protagonista Giancarlo Giannini – Hannibal
Miglior fotografia Fabio Olmi – Il mestiere delle armi
Migliore scenografia Luigi Marchione – Il mestiere delle armi
Migliori costumi Francesca Sartori – Il mestiere delle armi
Miglior montaggio Claudio Di Mauro – L’ultimo bacio
Migliore canzone Carmen Consoli – L’ultimo bacio
2002
Regista del miglior film italiano Marco Bellocchio – L’ora di religione
Miglior regista esordiente Paolo Sorrentino – L’uomo in più
Miglior produttore Fandango – per il complesso delle produzioni dell’anno
Miglior soggetto Marco Bellocchio – L’ora di religione
Miglior sceneggiatura Cristina Comencini, Lucilla Schiaffino, Giulia Calenda – Il più bel giorno della mia vita
Migliore attrice protagonista Valeria Golino – Respiro
Migliore attore protagonista Sergio Castellitto – L’ora di religione
Miglior attrice non protagonista Margherita Buy,Virna Lisi, Sandra Ceccarelli – Il più bel giorno della mia vita
Miglior attore non protagonista Leo Gullotta – Vajont
Miglior presa diretta Maurizio Argentieri – L’ora di religione/Casomai
2003
Regista del miglior film italiano Gabriele Salvatores – Io non ho paura
Miglior regista italiano esordiente Maria Sole Tognazzi – Passato prossimo
Miglior produttore Fandango – L’imbalsamatore,Ricordati di me, Velocità massima
Miglior soggetto Ferzan Ozpetek, Gianni Romoli – La finestra di fronte
Miglior sceneggiatura Gabriele Muccino, Heidrun Schleef – Ricordati di me
Migliore attrice protagonista Giovanna Mezzogiorno – Ilaria Alpi, il più crudele dei giorni / La finestra di fronte
Migliore attore protagonista Neri Marcorè – Il cuore altroveGigi Proietti – Febbre da cavallo La Mandrakata
Miglior attrice non protagonista Monica Bellucci – Ricordati di me
Miglior attore non protagonista Diego Abatantuono – Io non ho paura
Miglior fotografia Italo Petriccione – Io non ho paura
Miglior montaggio Marco Spoletini – L’imbalsamatore / Velocità massima
Migliore canzone Giorgia – Gocce di memoria (La finestra di fronte)
2004
Regista del miglior film italiano MARCO TULLIO GIORDANA – La meglio gioventù
Miglior regista italiano esordiente FRANCO BATTIATO – Perduto amor
Miglior produttore ANGELO BARBAGALLO – La meglio gioventù
Miglior soggetto ERMANNO OLMI – Cantando dietro i paraventi
Miglior sceneggiatura STEFANO RULLI, SANDRO PETRAGLIA – La meglio gioventù
Migliore attrice protagonista Cast FEMMINILE (la Meglio Gioventù) – ADRIANA ASTI, SONIA BERGAMASCO, MAYA SANSA, JASMINE TRINCA
Migliore attore protagonista: ex aequo ROBERTO HERLITZKA – Buongiorno, notte
Cast MASCHILE (La meglio Gioventù) – ALESSIO BONI, FABRIZIO GIFUNI, LUIGI LO CASCIO, ANDREA TIDONA
Miglior attrice non protagonista MARGHERITA BUY – Caterina va in città
Miglior fotografia FABIO OLMI – Cantando dietro i paraventi
Miglior presa diretta FULGENZIO CECCON – La meglio gioventù
Migliore scenografia LUIGI MARCHIONE – Cantando dietro i paraventi
Migliori costumi FRANCESCA SARTORI – Cantando dietro i paraventi
Miglior montaggio ROBERTO MISSIROLI – La meglio gioventù
2005
Regista del miglior film italiano GIANNI AMELIO – Le chiavi di casa
Miglior regista italiano esordiente SAVERIO COSTANZO – Private
Miglior produttore AURELIO DE LAURENTIS – Che ne sarà di noi / Tutto in quella notte
Miglior soggetto PAOLO SORRENTINO – Le conseguenze dell’amore
Miglior sceneggiatura MARGARET MAZZANTINI, SERGIO CASTELLITTO – Non ti muovere
Migliore attrice protagonista LAURA MORANTE – L’amore è eterno finche dura
Migliore attore protagonista TONI SERVILLO – Le conseguenze dell’amore
Miglior attrice non protagonista GIOVANNA MEZZOGIORNO – L’amore ritorna
Miglior attore non protagonista RAFFAELE PISU – Le conseguenze dell’amore
Miglior musica BANDA OSIRIS – Primo amore
Miglior fotografia LUCA BIGAZZI – Le Conseguenze dell’amore / Ovunque sei / Le chiavi di casa
Miglior presa diretta ALESSANDRO ZANON – Le chiavi di casa / La vita che vorrei
Migliore scenografia FRANCESCO FRIGERI – Non ti muovere / La passione di Cristo
Migliori costumi MAURIZIO MILLENOTTI – La passione di Cristo
Miglior montaggio PATRIZIO MARONE – Non ti muovere
Migliore canzone VASCO ROSSI, SAVERIO GRANDI – Un senso (Non ti muovere)
2006
Regista del miglior film italiano MICHELE PLACIDO – Romanzo Criminale
Miglior regista italiano esordiente FRANCESCO MUNZI – Saimir
Miglior produttore RICCARDO TOZZI, MARCO CHIMENZ, GIOVANNI STABILINILa bestia nel cuore / Romanzo criminale / Quando sei nato non puoi più nasconderti
Miglior soggetto ROBERTO BENIGNI, VINCENZO CERAMI – La tigre e la neve
Miglior sceneggiatura UGO CHITI, GIOVANNI VERONESI – Manuale d’amore
Migliore attrice protagonista KATIA RICCIARELLI – La seconda notte di nozze
Migliore attore protagonista PIERFRANCESCO FAVINO, KIM ROSSI STUART e CLAUDIO SANTAMARIA – Romanzo criminale
Miglior attrice non protagonista ANGELA FINOCCHIARO – La bestia nel cuore
Miglior attore non protagonista CARLO VERDONE – Manuale d’amore
Miglior presa diretta MARIO IAQUONE – Romanzo criminale
Migliori costumi FRANCESCO CRIVELLINI – La seconda notte di nozze
Miglior montaggio ESMERALDA CALABRIA – Romanzo criminale
2007
Regista del miglior film italiano Giuseppe Tornatore – La sconosciuta
Miglior regista esordiente Kim Rossi Stuart – Anche libero va bene
Miglior produttore Angelo Barbagallo, Nanni Moretti, Sacher film – Il caimano
Miglior soggetto Marco Bellocchio – Il regista di matrimoni
Miglior sceneggiatura Ferzan Ozpetek, Gianni Romoli – Saturno contro
Migliore attrice protagonista Margherita Buy – Il caimano / Saturno contro
Migliore attore protagonista Silvio Orlando – Il caimano
Miglior attrice non protagonista Ambra Angiolini – Saturno contro
Miglior attore non protagonista Alessandro Haber – La sconosciuta / Le rose del deserto
Miglior musica Ennio Morricone – La sconosciuta
Miglior fotografia Maurizio Calvesi – Viaggio segreto
Migliore scenografia Dante Ferretti – Black Dahlia
Migliori costumi Milena Canonero – Marie Antoinette
Miglior montaggio Francesca Calvelli – Il regista di matrimoni / In memoria di me
Sonoro in presa diretta Gabriele Moretti – In memoria di me
Canzone originale Neffa – Passione (Saturno contro)
2008
Regista del miglior film italiano Paolo Virzi’ – Tutta la vita davanti
Miglior regista esordiente Andrea Molaioli – La ragazza del lago
Miglior produttore Domenico Pocacci – Fandango
Miglior soggetto Marco Pettenello, Doriana Leondeff, Claudio Piersanti, Carlo Mmazzacurati – La giusta distanza
Miglior sceneggiatura Sandro Petraglia – La ragazza del lago
Sandro Petraglia, Stefano Rulli, Daniele Luchetti – Mio fratello è figlio unico
Migliore attrice protagonista Margherita Buy – Giorni e nuvole
Migliore attore protagonista Toni Servillo – La ragazza del lago
Miglior attrice non protagonista Sabrina Ferilli – Tutta la vita davanti
Miglior attore non protagonista Alessandro Gassman – Caos calmo
Miglior fotografia Arnaldo Catinari – I demoni di San Pietroburgo / Parlami d’amore
Migliore scenografia Francesco Frigeri – I Viceré / I demoni di San Pietroburgo
Migliori costumi Milena Canonero – I viceré
Miglior montaggio Mirco Garrone – Mio fratello è figlio unico
Sonoro in presa diretta Gaetano Carito – Caos calmo
Canzone originale Ivano Fossati – L’amore trasparente (Caos calmo)
Colonna sonora Paolo Buonvino – Caos calmo
2009
Regista del miglior film Paolo Sorrentino – Il divo
Miglior regista esordiente Gianni Di Gregorio – Pranzo di ferragosto
Miglior produttore Francesca Cima, Nicola Giuliano (Indigo Film), Andrea Occhipinti (Lucky Red), Maurizio Coppolecchia (Parco Film), Fabio Conversi (Babe Films) – Il divo
Miglior soggetto Fabio Bonifacci – Diverso da chi? / Si può fare
Miglior sceneggiatura Paolo Sorrentino – Il divo
Migliore attrice protagonista Giovanna Mezzogiorno – Vincere
Migliore attore protagonista Toni Servillo – Il divo
Miglior attrice non protagonista Francesca Neri – Il papà di Giovanna
Miglior attore non protagonista Ezio Greggio – Il papà di Giovanna
Miglior fotografia Daniele Ciprì – Vincere
Migliore scenografia Marco Dentici – Vincere
Miglior montaggio Francesca Calvelli – Vincere
Miglior sonoro in presa diretta Maricetta Lombardo – Gomorra
Miglior canzone originale Piangi Roma, Baustelle, Valeria Golino – Giulia non esce la sera
Nastri dell’anno Gomorra – Matteo Garrone

migliori film italiano La-meglio-gioventu.jpg

Per finire ecco la classifica dei film più votati:

Qui trovate l’inizio del viaggio, nel secolo scorso: I migliori film degli anni 10 e 20.

Qui Invece trovatei migliori film dell’ultimo decennio!

Il Sorpasso Cinema è su

 Facebook , YouTube , Instagram ,

 Twitter PinterestTumblrLinkedin

il sorpasso cinema italiano